Intuizioni"I giovani si sentono poco meno della fobia della grande impresa"

"I giovani si sentono poco meno della fobia della grande impresa"

Per il CEO SAP SPAGNA RAFAEL BRUGNINI, le aziende non dovrebbero essere interessate solo a misurare la soddisfazione del cliente, ma anche i dipendenti.Ottenere le aziende a migliorare la propria attività analizzando i loro dati è la loro grande sfida

Foto: Il direttore generale di SAP España, Rafael Brugnini. Credit: Cortesia dell'intervistato. 

Intelligenza artificiale (AI), machine learning, cloud, data analytics e internet of things (IoT) sono solo alcuni dei termini che appaiono maggiormente nel vocabolario dell'amministratore delegato di SAP Spagna, Rafael Brugnini. Il veterano gigante della tecnologia non concentra più la propria attività su quello che un tempo era il suo prodotto di punta, il software di gestione delle risorse aziendali, ma al contrario, l'azienda ha diversificato il proprio portfoglio prodotti, al fine di aiutare le aziende ad adottare tutte queste tecnologie. 

Tuttavia, affinché possano integrarsi con successo, Brugnini ritiene che debbano essere guidati da un amministratore delegato disposto a cambiare rotta. Il responsabile afferma: "Dobbiamo provare, e se non funziona, avremo imparato qualcosa". Riconosce poi: "quando sei abituato a controllare tutto, aprirti alla sperimentazione può essere complicato". Tuttavia, sostiene l'importanza che i leader diano il giusto esempio e promuovano il cambiamento.   

Ogni anno, MIT Technology Review pubblica un elenco delle 10 tecnologie con il maggior potenziale di cambiamento nel mondo. L'elenco di quest'anno include assistenti conversazionali ai: in che modo SAP ha integrato questi sistemi nei prodotti che offre ai clienti? 

Questa tecnologia sta iniziando ad essere incorporata nei principali processi aziendali per facilitare l'interazione con l'essere umano e automatizzare tutte le attività ripetitive. In questo modo, è possibile utilizzare tutta la capacità e le conoscenze che le persone dell'azienda hanno in attività che generano più valore.  

Nel caso di questi assistenti conversazionali, abbiamo incorporato questa tecnologia attraverso l'acquisizione di un'azienda [Recast.AI], che consente ai dipendenti di interagire vocalmente con Siri e Alexa per chiedere quali compiti devono svolgere quel giorno, chiedere di ricevere un rapporto e anche ricevere raccomandazioni. 

Un'altra delle grandi tendenze tecnologiche che SAP ha integrato sono i big data, poiché offre strumenti di analisi aziendale. Come si è adattata l'azienda all'era dei dati? 

Difendiamo il concetto di business intelligente, che massimizza l’utilizzo dei dati a proprio vantaggio e a vantaggio dei propri clienti. Tuttavia, negli ultimi anni le società di software hanno bombardato i clienti con la tecnologia. Oggi ci sono molti Frankenstein creati da diverse tecnologie di diversi fornitori e osservando che il tutto possa essere semplificato in modo che sia integrato e non sia necessario formare una risorsa in 18 tecnologie di 18 produttori diversi. 

Nella parte analytics non vogliamo solo gestire i dati generati dai sistemi SAP, ma anche da tutti i sistemi dell'azienda e avere un'unica versione dei dati. Pertanto, offriamo la possibilità di sfruttare la nostra architettura senza che sia necessario possedere le nostre applicazioni. 

La rivoluzione nel mondo dei dati è resa possibile dall'Internet of things, che dà accesso a informazioni senza precedenti. SAP semplifica alle aziende il trasferimento di conclusioni dai dati provenienti da tali dispositivi connessi. In che modo questa conoscenza ti aiuta? 

Stiamo assistendo a casi in cui, a seguito dell'applicazione della tecnologia, emergono nuovi modelli di business. Ad esempio, abbiamo iniziato a lavorare sulla sensorizzazione per un produttore di compressori d'aria in Germania. All'inizio volevano eseguire la manutenzione predittiva, cioè anticipare il guasto prima che si verificasse. Poi però non si sono fermati lì. Si sono chiesti: "Come mescoliamo le informazioni IoT con l'intera catena di approvvigionamento?" 

Hanno iniziato a giocare con l'apprendimento automatico per ottimizzare il servizio e si sono resi conto che potevano avere così tanto controllo che, invece di offrire compressori tradizionali come prodotti, potevano vendere aria come servizio, come servizio, e che il cliente paga un canone mensile. 

Un altro esempio è un'azienda cinese produttrice di calzature. Man mano che vengono richiesti prodotti sempre più personalizzati, scansionano il piede e grazie alla realtà virtuale è possibile selezionare colori, modelli, etc. In sette giorni torni al negozio e hai una scarpa che si adatta perfettamente a te perché l'intera catena di approvvigionamento è connessa e il processo è automatizzato.  

L'IoT genera molti dati sui dispositivi, ma ora anche l'analisi delle persone, una disciplina che studia i dati sul comportamento dei dipendenti, è una tendenza in voga. State già offrendo ai clienti questo servizio? 

Nel reclutamento, stiamo usando l'intelligenza artificiale per abbinare i curriculum al profilo ricercato. Aiutiamo le aziende a redigere descrizioni delle offerte di lavoro in modo che riflettano veramente ciò di cui hanno bisogno. 

D'altra parte, è anche molto importante misurare l'esperienza dei dipendenti. Qualtrics [una piattaforma specializzata nella gestione dei dati di esperienza, che SAP ha acquisito qualche mese fa per circa 7.300 milioni di euro] consente ai dipendenti di prendere la temperatura in tempo reale per poter reagire rapidamente. Offriamo infatti il servizio in due aree, quella delle risorse umane e quella della customer experience. 

In che modo aiuta le aziende a sapere come si sentono i dipendenti in ogni momento? 

Da un lato, le nuove generazioni la pensano in modo totalmente diverso e sono molto più elastiche. Prima era apprezzato operare in una grande azienda, avere stabilità, fare carriera, etc. Ora, i giovani percepiscono una sorta di fobia nei confronti delle grandi aziende: quando fai un colloquio, ti chiedono del programma, della flessibilità, della responsabilità sociale d'impresa, dello spazio di lavoro, delle vacanze, dello scopo della posizione ... I dipendenti sono più pericolosi, più intraprendenti. Se cogli gli elementi importanti, hai più capacità di reagire e trattenere. 

D'altra parte, se i lavoratori sono felici, servono meglio i clienti, fatturano di più e sono più redditizi. C'è un impatto diretto tra la felicità dei dipendenti e il successo aziendale. L'innovazione è nell'ascoltare i tuoi clienti e dipendenti. 

 

Tradizionalmente, SAP si è affidata al modello retail-by-license, ma ora sta collaborando con altre aziende per studiare come integrare diverse tecnologie. È stato facile adattare il modello di business e gli indicatori di performance a questo cambiamento?  

Siamo una delle aziende più sottovalutate sul mercato. SAP dovrebbe crescere e adottare il cloud più velocemente di chiunque altro e allo stesso tempo i vantaggi aumenteranno di anno in anno. 

Si tratta di un equilibrio complicato, perché il metro di valutazione non è lo stesso con cui vengono misurate le altre realtà, a cui non viene nemmeno chiesto quanti soldi guadagnano o quante tasse pagano in Spagna. Nonostante ciò, stiamo andando abbastanza velocemente, il cloud di vendita tcv (Total Contracts Value) rappresenta già circa il 65% nel nostro Paese e stiamo lavorando a un processo di trasformazione dei metodi di vendita. 

SAP è un'azienda con una vasta esperienza, ma negli ultimi anni sono arrivate nuove aziende tecnologiche che stanno entrando nel mercato del software, della data intelligence e del cloud. Com’è l'ingresso di nuovi concorrenti nel settore? 

Nell'arena aziendale, SAP ha una posizione di leadership indiscussa e molte aziende non sono forti in quell’ambito, quindi è possibile creare collaborazioni. In effetti, siamo in contatto permanente con aziende come Amazon, Microsoft, Google o Apple. 

Per ora sono opportunità di crescita per le imprese di entrambe le aziende. Ovviamente ci sono aree di conflitto, ma si tratta di un'opportunità di business talmente grande, che risulta facile rimanere in accordi e rispettare gli spazi di azione altrui. 

SAP aiuta altre aziende ad affrontare la trasformazione digitale. Quali qualità pensa debba avere il CEO di un'azienda tradizionale per intraprendere quei cambiamenti e quale consiglio gli darebbe? 

Prima di tutto, bisogna avere una mente aperta per ascoltare, alzare la testa ed essere vigili su tutto ciò che accade nel mondo, poiché sta accadendo molto velocemente. E la seconda cosa, capire che la tecnologia può aiutare ad accelerare certe cose e cambiare il modello di business. 

Infine, bisogna essere un po’ spericolati, rendersi conto che bisogna sperimentare, e che si può anche sbagliare. 

Quali strategie segue per i dipendenti per sviluppare nuove competenze e mantenere una mentalità innovativa? 

Per quanto riguarda le questioni interne, abbiamo SAP Academy.  Siamo alla ricerca di profili giovani che combinino tecnologia e conoscenza aziendale e offriamo stage e formazione nella Silicon Valley (USA). Quando tornano, si uniscono al lavoro, pronti a trattare con i clienti per trasformare le loro attività. 

Nel campo dell'innovazione, abbiamo One Billion Lives,un programma aziendale di intrapreneurship, in cui i team formati da dipendenti dei paesi si affrettano a fornire soluzioni creative che forniscano una soluzione a un problema della società. 

Esternamente abbiamo un programma, YPP, con il quale cerchiamo giovani disoccupati, li alleniamo e li aiutiamo a trovare lavoro, perché l'ecosistema SAP ha lo 0% di disoccupazione. In questo senso, stiamo lavorando a un'iniziativa per formare 1.500 consulenti SAP in due anni in Spagna. 

Ci avviciniamo all'innovazione sui nostri dipendenti da diverse angolazioni, in quanto è una sfida permanente. Molte volte, la resistenza al cambiamento dei dipendenti è dovuta al fatto che non viene mostrata la visione d'insieme. 




Risorsa:

 

 

 

 

 

Questo contenuto è stato creato dal marchio MIT Technology Review ed è protetto nella sua interezza da copyright. Nessun materiale può essere ristampato parzialmente o totalmente senza permesso. Per avere i permessi, contattaci.  Tel: +34 911 284 864 | Email: marketing@opinno.com