In un mercato del lavoro circondato da incertezza, è visibile una tendenza chiara che consentirà l'accesso a nuovi posti di lavoro e modi per collaborare con le aziende.È un nuovo impulso alla rivoluzione tecnologica che, in questi tempi di cambiamento, testerà la capacità iniziativa di tutte le persone.Se si unisce alla chiara necessità di creare società più inclusive, “tutte le persone” dovrebbero, per impostazione predefinita, per includere le persone con disabilità.Questo è esattamente ciò che undici fondamenta è posata.& nbsp;

Il suo obiettivo non potrebbe essere più chiaro ed energico: allenarsi nelle competenze digitali e tecnologiche alle persone con disabilità, in particolare nella programmazione web, per facilitare l'accesso a una delle professioni tecnologiche con la maggior parte della domanda del mercato, e quindi reindirizzano il loro Carriera professionale con successo.Un obiettivo ambizioso e più valido che mai, il che ci fa riflettere sulla comodità di estenderlo alla società nel suo complesso.

“Il nostro ruolo è quello dei coordinatori e dei fornitori di allenamento”,Abbiamo spiegato Libia Renza, direttore del progetto di Opinno.“Lavoriamo anche con Fundación Eleven nella selezione iniziale dei partecipanti e del coordinamento delle società esterne che hanno insegnato lezioni e laboratori master per facilitare una visione giornaliera di questa professione, aprendo anche le sue porte ai futuri programmatori per la realizzazione delle pratiche “, le sfumature della Libia.

Con un titolo che ha già sollevato se una sfida – “Programmazione per non programmatori” – Una delle chiavi del corso del corso ha eliminato la barriera culturale che i cittadini, in generale, hanno costruito rispetto alla programmazione , quella sensazione che sia qualcosa di adatto solo per la classe.

“Stiamo parlando, tuttavia, di un vero linguaggio universale, più accessibile di quanto pensiamo, e l'unico che consente di costruire nuove realtà e letteralmente pianificazione dei cambiamenti nell'ambiente”,Chiarisce la Libia.La programmazione di apprendimento rafforza anche la sensazione di sicurezza e controllo, capacità creativa e orgoglio e soddisfazione del risultato verificabile.Una riflessione che dobbiamo incorporare in un nuovo sguardo al mondo che ci circonda e ovviamente nel nostro sistema educativo.

Il corso è composto da tre fasi.Durante il primo, in cui sono state insegnate 250 ore per impostare i concetti e le tecnologie di programmazione di base, è stata presentata una sfida aggiuntiva che siamo stati tutti testimoni involontari, il Covid-19.& nbsp; “Quando riceviamo l'ordine di fondazione undici per coordinare un corso faccia a faccia da 800 ore, che è iniziato lo scorso dicembre, abbiamo immaginato che una pandemia stesse per testare la nostra capacità di reazione e adattarsi, dover fare la transizione Da un corso faccia a faccia a un altro virtuale in tempo reale e a metà tempo “, registra la Libia.

Per garantire l'accesso all'equa di accesso per tutti gli studenti, il nuovo formato online ha comportato l'integrazione degli adattamenti di accessibilità come, ad esempio, la sottotitolazione automatica o la presenza di un interprete della lingua dei segni remoti per il caso da un sussulto studente sordo.

La seconda e la terza fase del corso è insegnato a 30 studenti contemporaneamente a Madrid, Valencia e Barcellona.Mira a dedicare 550 ore a programmazione web, metodologie di innovazione e competenze cross-taglio.Una volta che la formazione è finita, l'ultima fase implica pratiche reali nella collaborazione di aziende di Fundación Eleven e inserite occupazione.

Queste aziende, oltre ai benefici fiscali ed economici che significa addestrare undici studenti di fondazione, e ad avere il livello iniziale, la dedizione e la garanzia di consegna personale, contribuirà a creare una società più inclusiva. & nbsp;

Nonostante le sfide vissute, la Libia e il suo team hanno già motivo di celebrare che il 95% degli studenti continua attivamente nel corso.

Oltre alla soddisfazione dell'impatto ottenuto per il cliente, l'inclusione delle persone con disabilità e di conseguenza, il beneficio della società nel suo complesso, secondo l'opinione che abbiamo rimasto con una riflessione finale.Come azienda dobbiamo collaborare con il nostro ecosistema e come società, dobbiamo essere più attenti alle iniziative di coloro che hanno perseguito lo sviluppo personale e professionale dei loro collettivi.In questa domanda, senza dubbio, undici fondamenta sta segnando la strada.