CEO

Foto: Humberto Nadal, CEO di Cementos Pacasmayo. Fonte: Per gentile concessione dell'intervistato. 

Di Henar Martinez 

Il cemento è nei pavimenti su cui camminate e nei muri tra cui vivete: è uno dei materiali da costruzione più usati e viene utilizzato, in particolare, per fare altri composti come il calcestruzzo. È quindi preoccupante che l'8% delle emissioni mondiali di anidride carbonica provenga annualmente dal suo processo di fabbricazione. 

Consapevole che questa è una delle industrie più difficili da decarbonizzare, il CEO dell'azienda peruviana Cementos Pacasmayo, Humberto Nadal, passa in rassegna le sfide che deve affrontare in termini di sostenibilità, e si affida all'innovazione e alla tecnologia come leve di trasformazione. In questo senso, il 2017 è stato un punto di svolta per questa azienda: sono passati dall'essere un'azienda di cemento a fornire soluzioni di costruzione, il che ha portato a un processo di trasformazione digitale e culturale ancora in corso. 

Quali sono le principali sfide dell'industria del cemento in termini di emissioni di gas serra? 

Le emissioni sono una sfida enorme. Tre anni fa è stata creata la Global Concrete and Cement Association (GCCA), che ora rappresenta il 60% della produzione mondiale di cemento se si toglie la Cina dall'equazione. Il GCCA si è impegnato a diventare carbon neutral entro il 2050. Ha lanciato un'iniziativa chiamata “Innovandi”, che riunisce tutta la catena del valore del cemento, cementifici, logistica, forni e così via. Si tratta di un'iniziativa globale con una forza enorme, dato che il comitato è composto da tutti gli amministratori delegati (CEO) delle principali società di cemento. In passato ci possono essere stati sforzi sindacali, ma mai un accordo firmato o qualcosa di così strutturato e grande. 

Quali sforzi sta facendo Cementos Pacasmayo per ridurre le emissioni? 

Negli anni '90 abbiamo iniziato a lavorare molto sul fattore clinker [la percentuale di clinker nel cemento], perché è il principale emettitore di CO2. A livello globale era a livelli di circa il 90%. L'abbiamo ridotto all'80% e ora è al 73%, mentre la media mondiale è più alta. Stiamo cercando di fare cementi con un fattore di clinker inferiore e con una matrice energetica diversa: questo è ciò di cui il pianeta e l'umanità hanno bisogno. Ma non ha senso produrre cemento con zero clinker se costa 2.500 dollari a tonnellata, perché nessuno potrà usarlo. 

Stiamo lavorando su LC3, Limestone Calcined Clay Cement, un cemento che utilizza argilla caolinitica e ha ridotto il fattore clinker dal 73% al 50%. È una goccia siderale. Il problema è che la gente vuole che l'industria del cemento non emetta, ma non vuole un cemento diverso. È una contraddizione. 

Negli ultimi anni sono stati lanciati alcuni materiali da costruzione, come il cemento termocromico e traslucido. Sono innovazioni isolate o rappresentano un cambio di paradigma? Raggiungeranno ogni angolo del pianeta? 

Sono ancora tecnologie con un livello molto alto di sofisticazione e di costo. Hanno una barriera enorme in paesi come il nostro: l'80% delle vendite di cemento in Perù sono per l'autocostruzione, che è assolutamente arcaica. Non solo queste tecnologie non arriveranno, ma non sono applicabili, perché sono per il calcestruzzo e qui si parla di cemento. 

Lavoriamo molto duramente per aiutare il nostro costruttore. Se non applica un po' di tecnologia, non ha senso ridurre il fattore clinker. Quando costruiscono, sono molto inefficienti, non perché vogliono, ma per la mancanza di strumenti e risorse. La sostenibilità significa anche che le persone con meno risorse possono costruire in modo accessibile. Per me questa è una sfida importante quanto quella delle emissioni, soprattutto perché sono reciprocamente collegate. Se non li convinco a costruire in modo efficiente, l'inquinamento continuerà. 

Gran parte del problema delle emissioni deriva dal consumo di energia. Si sta facendo innovazione in questo settore per rendere il processo di produzione del cemento più sostenibile? 

La chiave è produrre cementi che richiedono meno energia. Per esempio, per fare il clinker, sono necessari circa 1.400 °C. Dobbiamo cercare altri materiali, come le argille o i pozzolani, che sono fatti a una temperatura più bassa. Dobbiamo puntare sulle energie rinnovabili, ma non basta dire: “Voglio le rinnovabili”. Se non c'è una politica statale che a sostenerle, è molto difficile che il settore privato lo faccia. 

Dieci anni fa, il MIT Technology Review ha scelto il “cemento verde” come una delle dieci tecnologie emergenti più importanti. Come si è evoluto? 

Se chiedete a tre esperti una definizione di “cemento verde”, nessuno di loro vi darà esattamente la stessa. È più un concetto che ha avuto un problema sul lato del consumatore finale. La gente vuole un cemento più ecologico, ma non vuole pagarne il costo. Ecco perché credo che le iniziative che non coinvolgono tutti (produttori, commercianti e consumatori finali) non funzionano. Il “cemento verde” sarà il precursore di cementi migliori. Penso che filosoficamente questo sia molto importante, più di quante tonnellate siano state vendute o meno. 

Come altri settori, l'industria delle costruzioni sta subendo una trasformazione digitale. Come sta impattando questa digitalizzazione su Cementos Pacasmayo? 

La nostra trasformazione ha una componente digitale molto alta che ci ha permesso di avvicinarci al cliente. Per esempio, i costruttori hanno una chat room dove possono fare domande e ricevere una risposta automatica. Possono anche inserire la richiesta per comprare il cemento, e lo riceveranno probabilmente nei successivi 40 minuti. 

L'intelligenza artificiale (AI) è una delle tecnologie di tendenza, quali miglioramenti sta portando all'industria del cemento? 

Da un lato, porta miglioramenti al processo stesso. Un esempio è il calcestruzzo che ha la capacità di prevenire o correggere certe rigature. D'altra parte, contribuisce molto ad avvicinarci al consumatore finale per aiutarlo. Inoltre, per quanto riguarda la cattura del carbonio, penso che, tra qualche anno, quando un cementificio sarà installato, un altro impianto sarà costruito accanto ad esso per catturare tutte le emissioni. Questo sarà possibile solo grazie all'intelligenza artificiale, ne sono convinto. 

La produzione di cemento è un'attività produttiva che va avanti da molti anni. Come avete affrontato il cambiamento culturale che avete deciso di intraprendere nel 2017? La cultura del settore vi ha influenzato? 

Il momento migliore per trasformare una visione aziendale è quando non ne hai bisogno, perché hai la tranquillità di farlo. Nel 2017, Cementos Pacasmayo era al top sia economicamente che finanziariamente. Il processo è stato molto duro. Non è che ci sia stata resistenza, più che altro è complicato spiegare a qualcuno che sta vincendo una partita 5-0 che stai per cambiare la squadra o il modo di giocare. Quando capiscono che quello che vuoi fare è assicurarti che il 5-0 non solo rimanga 5-0, ma che diventi 7-0, capiscono. È un processo. La prima cosa è che i manager siano leader nel settore. È anche importante definire chiari Indicatori Chiave di Performance (KPI) e iniziare a reclutare in modo diverso, senza perdere quello che si ha, ma completandolo


Pubblicato da OPINNO © 2022 MIT TECHNOLOGY REVIEW – EDIZIONE SPAGNOLA