lUCHAR

Foto: Come combattere l'impatto della disinformazione COVID-19. Credito: Kaboompics/Freepik.

Di Isabel Reviejo  

C'era il mito che i vaccini sviluppati per combattere il COVID-19 modificassero il DNA, la falsa connessione tra la malattia e il 5G, i rapporti errati secondo cui il miliardario George Soros possedeva un laboratorio a Wuhan che “fabbricava” il virus… L'evoluzione della pandemia è stata accompagnata da una diffusa disinformazione che ha ulteriormente contribuito alla confusione dell'opinione pubblica e alle complicazioni nella risposta al virus, che ha avuto ripercussioni anche sulle imprese.Già nel febbraio 2020, quando l'impatto della pandemia era ancora molto concentrato in Cina e non si era ancora diffuso in Europa e in altre parti del mondo, l'OMS ha iniziato a utilizzare il termine “infodemia” per riferirsi all' eccessiva quantità di informazioni che circolavano sul virus, rendendo difficile per le persone distinguere tra ciò che era vero e ciò che non lo era.Inizialmente, le fake news ruotavano attorno all'origine del COVID-19, ma poi i falsi rimedi preventivi hanno preso il sopravvento, così come, in seguito, le questioni relative alla gestione pubblica e ai vaccini. Questa propagazione ha portato a conseguenze disastrose, come centinaia di morti e ricoveri che sono stati collegati all'ingestione di alcol o metanolo con l'obiettivo di eliminare presumibilmente la malattia. 

Mentre il problema della disinformazione è un male che si combatte da anni nell'ambiente digitale, il fatto che la pandemia metta in primo piano questioni sanitarie e scientifiche, che per il pubblico non sono così familiari, ha reso più difficile contrastare le fake news. 

Secondo un rapporto di Ramón Salaverría, professore presso l'Università di Navarra, in collaborazione con il Gruppo di lavoro multidisciplinare (GTM), che ha consigliato il governo su come gestire la pandemia, diversi fattori convergenti hanno contribuito a causare questo problema. Alcuni di essi sono radicati all'interno dell’ambito stesso, come ad esempio l'accelerazione dei processi di pubblicazione scientifica, che ha portato a una moltitudine di articoli in materia pubblicati in pochi mesi, ma con protocolli di valutazione indeboliti. 
 
Secondo questa ricerca, un altro fattore è stata la mancanza di una cultura di divulgazione scientifica. Pertanto, l'assenza di punti di riferimento specializzati per il grande pubblico è stata sostituita da altre figure che hanno conoscenze meno specifiche o anche celebrità senza competenze in materia. 

Covid

L'effetto valanga della vaccinazione 

Dalla fine del 2020, tra le notizie relative alla pandemia quelle sui vaccini sono state predominanti. Nonostante il fatto che i vaccini siano stati ripetutamente uno degli obiettivi dei cospiratori, il lancio di piani di immunizzazione nei paesi ha contribuito a far sì che un numero crescente di persone li considerasse affidabili. 

Secondo uno studio dell'Imperial College di Londra condotto tra novembre e febbraio in 15 paesi (inclusa la Spagna), la fiducia nelle dosi è aumentata nella maggior parte delle nazioni studiate e, in media, il 58% degli intervistati era disposto a ricevere il vaccino. 

“È un effetto valanga. Non appena le persone hanno visto che la vaccinazione si stava verificando normalmente e che i casi di gravi effetti collaterali non erano diffusi, hanno iniziato a mettere in discussione la disinformazione e ha iniziato ad esserci una maggiore consapevolezza“, afferma Carlos Hernández-Echevarría, coordinatore of Public Policy and Institutional Development presso Maldita.es, uno dei principali media di verifica in Spagna. 

I social media frenano 

L'elevata viralità dei post falsi sui social network, che si diffondono più velocemente di quelli accurati, ha innescato da parte delle persone, la richiesta rivolta alle piattaforme stesse di agire per regolare i contenuti, impedendo la diffusione di fake news. Di conseguenza le piattaforme, hanno risposto implementando politiche che includono la rimozione di contenuti che contribuiscono alla disinformazione. 

Un esempio di ciò è stata la rimozione, l’anno scorso, dei post di Facebook scritti dall'allora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in cui affermava che il virus è “molto meno letale” del virus dell'influenza e che i bambini sono “quasi immuni”. 

Tra le misure messe in atto dalle reti ci sono il ban diretto di determinati contenuti, la segnalazione di post che potrebbero contenere informazioni “potenzialmente fuorvianti” o il blocco di determinati utenti e canali. A questo proposito, Twitter ha riferito di aver già sospeso definitivamente 2.400 account, a partire dal 1° marzo. 

Nonostante ciò, Hernández-Echevarría sottolinea che “la stragrande maggioranza della disinformazione viene generata nelle reti di messaggistica private prima di fare il salto nelle reti pubbliche”. Per questo, sottolinea che gli sforzi per combattere questo problema devono concentrarsi su questi canali, e fa anche appello al fatto che “al di là delle stesse piattaforme che prendono misure, dobbiamo tutti, individualmente, essere meno creduloni, più cauti, e dobbiamo abituarci a controllare almeno il minimo indispensabile” prima di condividere i contenuti. 

    

mac

Trasparenza e adattamento, le chiavi per combattere la disinformazione 

Oltre all'impatto che può avere sulla salute delle persone, le fake news sul coronavirus hanno anche avuto un impatto diretto sulle imprese. “Alla fine di febbraio 2020, una bufala è diventata virale secondo cui i proprietari di un negozio appartenente a un cittadino cinese erano di Wuhan e che stavano per essere messi in quarantena. Era una bugia. Naturalmente, questo ha colpito negativamente sia la famiglia che il negozio. La voce ha raggiunto un livello così estremo che l'autore del messaggio, in una catena Whatsapp, è uscito per scusarsi”, esemplifica Joaquín Ortega, direttore dei contenuti per Newtral.es. 

Pertanto, la grande domanda sia per le aziende che per le istituzioni pubbliche e private è: come possiamo garantire che i contenuti che raggiungono i cittadini siano accurati e impedire che la disinformazione guadagni terreno? 

“La chiave, soprattutto, è che le aziende siano molto oneste in ciò che comunicano, sia al mondo esterno -clienti, stakeholder e società nel suo insieme- sia ai loro dipendenti. Siamo passati da un concetto di comunicazione basato sul fatto che non potrebbero dirsi cose positive e negative a uno in cui la priorità è dire le cose come stanno”, sostiene Carlos Corominas, Content Director di Opinno. 

Questo è un aspetto con cui l'esperto di Maldita.es è d'accordo, sottolineando che è fondamentale “essere trasparenti e diligenti nel condividere informazioni di qualità”: “Come istituzione, se lasci un vuoto, stai correndo un rischio enorme. Bisogna rendere disponibili le informazioni prima che la disinformazione prenda il sopravvento”. 

L'accento è posto anche sul “dove”. Informazioni accurate, secondo Hernández-Echevarría, “devono essere presenti in tutti i luoghi in cui si può trovare disinformazione; dove esistono le cospirazioni, devono essere smentite”. Si tratta di un'ulteriore difficoltà, dato che si possono trovare contenuti fuorvianti “su tutte le reti e in tutti i formati“, il che significa che le istituzioni devono avere la capacità di adattarsi a tutti, adeguando il loro messaggio secondo necessità. 

Un altro aspetto importante, sottolinea Corominas, è che la comunicazione deve essere “basata sui fatti” e riflettere il reale coinvolgimento dell'azienda, per non cadere in un semplice atto di greenwashing – il nome dato alle campagne di marketing volte a posizionare un marchio o i suoi prodotti come “verdi”, senza che siano effettivamente sostenibili -. Come farlo dipenderà, in larga misura, dall'obiettivo desiderato. 

“Per format più rilassati, potresti utilizzare un podcast in stile intervista, cosa che stanno facendo molte aziende, con contenuti bandizzati; per formati più emotivi, potresti utilizzare video o persino stabilire canali di comunicazione diretti con dipendenti e clienti tramite newsletter”, Aggiunge. 

Indipendentemente dall'approccio scelto, la trasmissione di informazioni accurate è diventata uno degli elementi fondamentali per le istituzioni e le imprese nell'affrontare la crisi pandemica, in un momento in cui, più che mai, la società richiede chiarezza.