IntuizioniInnovazione che si prende cura del talento: il benessere del lavoro post-coronavirus

Innovazione che si prende cura del talento: il benessere del lavoro post-coronavirus

Proteggere la saluta fisica e mentale dei professionisti è diventata una priorità in seguito alla pandemia. Tecnologia per mantenere sicurezza negli uffici, strumenti digitali per combattere lo stress e metodi per promuovere e motivare impiegati sono alcune delle tematiche più in auge tra le compagnie.

A cura di Cristina Sánchez

La crisi scatenata dal coronavirus (Covid-19) ha avuto grandi effetti sul mondo del lavoro. Oltre alle difficoltà nell’occupazione, le routine dei lavoratori sono drasticamente cambiate. Per alcuni la nuova normalità è costituita dall’accedere in uffici con videocamere che monitorano la temperatura corporea e gel sterilizzanti ovunque. Altri non hanno mai potuto uscire di casa. Un terzo gruppo deve abituarsi al fatto che dovrà occupare uno spazio diverso in base alle necessità della giornata. 

Dall’inizio della pandemia, le compagnie hanno dovuto adattarsi per proteggere il benessere dei propri impiegati in un ambiente in cambiamento. Il 72% dei CEO intervistati afferma che “assicurarsi della sicurezza e della salute degli impiegati e prendersi cura dell’apparecchiatura e curare l’intera organizzazione” è diventata una priorità durante la crisi del coronavirus secondo un’indagine condotta dal senior partner di Paragon Partners, Antonio Núñez e dell'insegnante della IESE Business School Antonio Huete su un campione di 1000 dirigenti.

Il dirigente del personale di Opinno Blanca Gómez afferma che: ”Le compagnie devono essere responsabili nell’ assisterci con nostre problematiche per assicurare il benessere fisico e mentale dei nostri impiegati”. Quest’impegno da parte delle compagnie è altamente richiesto dai lavoratori: “Finora hanno sempre cercato una compagnia flessibile, con una finalità ad assistere i lavoratori; Molti di queste richieste sono state in passato declassate dalla necessità richiesta da problematiche relazionate alla salute”.

Telemedicina di monitoraggio

A causa della pandemia molte compagnie hanno dovuto estendere il periodo di lavoro in remoto per proteggere i propri impiegati, come hanno fatto i giganti del tech Google e Facebook. Alcune grandi organizzazioni hanno adottato un sistema flessibile dove gli impiegati passano poco tempo in ufficio, come fa anche ING, così facendo si da loro la possibilità di organizzare le proprie giornate lavorative da casa o in ufficio. 

Un novo modello di lavoro sicuro sta prendendo il sopravvento; si chiama Hot-desking. Invece di avere una posizione fissa in ufficio, l’impiegato può, attraverso un software, prenotare uno spazio per se in completa sicurezza. In questo modo le compagnie possono ridurre il numero del personale presente negli uffici, assicurare il corretto distanziamento sociale e monitorare gli ambienti dell’ufficio per prevenire il contagio.  

Un'altra possibilità per assicurare la sicurezza negli uffici è data dall’utilizzo di prodotti per igienizzare gli spazi, l’utilizzo della mascherina e il monitoraggio della temperatura corporea, insieme ad altre svariate misure. 

“Le compagnie devono capire l’importanza che ricoprono nella saluta fisica e mentale degli impiegati”.

Alcune compagnie hanno sviluppato delle applicazione per tracciare potenziali contatti con persone infette dal Covid-19. Bankia, una compagnia che offre servizi finanziari, ha sviluppato un'app chiamata Health Bankia, che permette l’accesso nelle stanze della compagnia solo tramite codice QR; così facendo si può facilmente controllare la capacità delle stanze e capire facilmente le persone che hanno avuto contatti tra di loro. Un altro esempio proviene da Banco Santanderhas che ha creato l'app My Vuelta, che permette agli impiegati di comunicare efficacemente il proprio stato di salute.

Altre implementazioni stanno diventando molto comuni; ad esempio gli scanner per la temperatura corporea, sensori di occupazione e accessi biometrici.

Algunas compañías han lanzado apps para conocer el estado de salud de sus empleados durante la pandemia.

Per proteggere i propri uffici, le organizzazioni possono utilizzare tecnologie per monitorare e proteggere la salute dei dipendenti a distanza poiché come evidenziato nel report condotto da Opinno intitolato: ”RE-START: 10 post Covid-19 trends”; lo smart-working è una realtà che ci accompagnerà ancora per molto. Per facilitare questo processo, le compagnie possono offrire ai propri dipendenti servizi di telemedicina. Un esempio di ciò si può osservare con la partnership tra Santalucia e la startup Ever Health così che i dipendenti dell'assicurazione, collaboratori e membri familiari possano effettuare consultazioni ad ogni ora del giorno.

Una nuova roadmap

Molti impiegati danno grande importanza all’indipendenza, sicurezza e al comfort di lavorare dalla propria casa, lo smart-working forzato dalla pandemia ha avuto forti ripercussioni sulla salute mentale di molti. Uno studio di molte università afferma che il 46.7% dei lavoratori spagnoli ha subito forte stress psicologico durante la crisi Covid-19. 

Secondo un’indagine di Cigna, circa il 67% della popolazione ha ammesso di avvertire stress causato dal periodo di quarantena forzata; un fattore che può far emergere altri problemi nel posto di lavoro come mancanza di motivazione e concentrazione e riduzione di produttività. 

 Per essere d’aiuto in questa situazione, il singolo individuo o le risorse umane possono seguire varie strategie:

  • Usare analisi dei dati per prendere decisioni: Afferma Blanca Gómez, dirigente del personale in Opinno: “Dobbiamo monitorare la salute dei nostri impiegati per meglio comprendere tutti i cambiamenti che ha portato la pandemia”. Ci sono alcune startup che già si occupano di questo attraverso l’uso di big data come Freedom & Flow: una compagnia che offre analisi di dati per comprendere al meglio la forza lavoro e analizzarne il comportamento oltre ad analizzare l’impatto economico della salute degli impiegati.
  • Per supporto: Le organizzazioni possono utilizzare vari tool digitali per combattere l’ansia e lo stress. Due esempi calzanti sono Headspace e The Holistic Concept. Headspace è un applicazione per la meditazione utilizzata durante il lockdown per mitigare ansia e stress mentre The Holistic Concept offere contenuti audiovisivi per controllare lo stress. Inoltre i servizi di telemedicina possono includere la presenza di un supporto psicologico online. 
  • Misure di disconnessione digitale: Un’indagine condotta da Infojobs rivela che il 67% dei lavoratori controlla l’email e risponde al cellulare solamente dopo le ore di lavoro e un terzo di questi ha difficoltà a disconnettersi dallo smartworking. Per risolvere il problema, il direttore di Opinno Barcellona, Xavier Contijoch considera l’opzione “di creare un protocollo per far si che lo smartworking non sia solamente lavoro”. Alcune compagnie che garantiscono servizi di questo tipo sono Ikea, ING e Telefonica.